Formicolii a gambe e braccia: quando cominciare a preoccuparsi?

Formicolii a gambe e braccia: quando cominciare a preoccuparsi?

La maggior parte delle persone sente occasionalmente formicolio ai piedi o alle mani (e non solo): magari è spiacevole, ma la causa di solito non è preoccupante. Alcune volte però questo disturbo può indicare problemi più seri che richiedono una diagnosi e un trattamento adeguati. Ce ne parla il dottor Massimo Angelotti, neurologo presso Centro Medico Ponticello a Massa.

Che cos’è il formicolio

«Si chiama “parestesia”, è un sintomo legato a un’irritazione del nervo – spiega il dottor Massimo Angelotti. L’irritazione ha delle caratteristiche che ci danno indicazioni su dove e quale può essere la causa. Se ad esempio il disturbo è continuo, simmetrico e nella parte periferica (gambe e braccia) avremo una diagnosi di polineuropatia; se invece è lungo una radice nervosa potremmo avere una sciatica o un problema simile (all’uscita dalla colonna vertebrale); oppure potrebbe esserci l’interessamento di un unico nervo che provoca una nevrite (come il tunnel carpale). Sostanzialmente sono importanti la distribuzione del dolore e la durata della manifestazione nel tempo. Quando colpisce una sola parte del corpo all’improvviso si può pensare a un coinvolgimento cerebrale, come in un’epilessia parziale».

Sindrome da compressione

È questa la causa più comune: una persona può provare un formicolio a causa di un nervo schiacciato nella schiena. Potrebbe essere accaduto a seguito di lesioni o gonfiore. Altri sintomi includono dolore (spesso) e movimenti limitato. I sintomi persistono nel tempo. L’elettromiografia è in grado di valutare l’entità del problema con precisione.

Tossine, farmaci e Alcol

Ingerire qualcosa di tossico che viene assorbita attraverso la pelle può essere una causa di formicolio ai piedi. Le tossine che hanno questo “potere” includono: arsenico, tallio, mercurio, liquidi antigelo. Il trattamento dell’esposizione alle tossine deve essere effettuato con urgenza.
Alcuni farmaci possono causare formicolio alle mani o ai piedi come effetto collaterale. Sono quelli che trattano cancro, AIDS, convulsioni, problemi cardiaci, alta pressione sanguigna.
L’alcol è una tossina e può danneggiare il tessuto nervoso. Bere troppo alcol può portare a un tipo di neuropatia periferica nota come neuropatia alcolica. Questa condizione può causare dolore e formicolio agli arti, mani e piedi (distribuzione a “calze e guanto”). Questi sintomi si verificano perché i nervi periferici sono stati danneggiati dall’alcol. Dal 25 al 66 per cento delle persone classificate come “alcolisti a lungo termine” soffrono di questo disturbo.

Carenza di vitamine

La carenza di vitamine E, B-1, B-6, B-12 o niacina può causare formicolio alle mani o ai piedi. Queste vitamine sono vitali per la funzione nervosa. La carenza di vitamina B-12 in particolare può portare alla neuropatia periferica: un tipo di danno ai nervi che provoca formicolio e intorpidimento alle mani e ai piedi. Colpisce circa 20 milioni di persone negli Stati Uniti.

Malattie infettive, autoimmuni e diabete

Alcune malattie infettive causano infiammazione dei nervi. Questa infiammazione può portare a formicolio alle mani o ai piedi. Le malattie includono: HIV, epatite B e C, lebbra, herpes zoster, malattia di Lyme. Anche una malattia autoimmune può causare formicolio ai piedi o alle mani. Tra queste: lupus, celiachia, artrite reumatoide.
Come illustra la SID – Società Italiana di Diabetologia, il diabete provoca alti livelli di zucchero nel sangue, che possono portare a danni ai nervi. Di conseguenza, le persone con diabete possono avvertire un formicolio persistente nei piedi o mani. Questa condizione è chiamata neuropatia diabetica.

Malattia occlusiva delle arterie periferiche, ictus e sclerosi multipla

L’arteriopatia obliterante periferica o malattia occlusiva delle arterie periferiche (PAD) colpisce il sistema circolatorio, causando un restringimento dei vasi sanguigni. Questo può portare a una cattiva circolazione, che può causare formicolio ai piedi o alle mani. La PAD può provocare un ictus o un attacco cardiaco a causa di accumulo di placca nelle arterie se non viene trattata.
La sclerosi multipla colpisce il cervello e il midollo spinale. Intorpidimento o formicolio ai piedi è un sintomo precoce della sclerosi multipla, secondo la National Multiple Sclerosis Society.

Danni da sforzo ripetuto

Le lesioni o danni da sforzo ripetuto (LSR) possono causare formicolio alle mani. Si verificano quando una persona svolge attività ripetitive per troppo tempo senza riposo. È noto anche come “disturbo dell’arto superiore correlato al lavoro”, come il caso del tunnel carpale. Può essere il risultato di una cattiva postura.

Gravidanza

È piuttosto comune sentire formicolio ai piedi in gravidanza. L’utero può esercitare pressione sui nervi delle gambe man mano che il bambino cresce. Rimanere idratati, cambiare posizione e riposare con i piedi sollevati può aiutare. È opportuno consultare un medico però se il formicolio non passa, si sentono le membra deboli, si gonfiano piedi o arti.

Elettromiografia ed elettroneurografia per identificare il problema

L’elettromiografia (EMG), studiando la funzione muscolare, non fornisce informazioni sulle parestesie, similmente l’elettroneurografia (ENG) motoria. L’elettroneurografia sensitiva consente di confermare la patologia di un nervo e differenziare il danno, se prevalentemente mielinico, cioè di guaina, con riduzione della velocità, o prevalentemente assonale, cioè di fibra, di cellula nervosa, con riduzione della quantità di impulso trasportato. Quest’ultima è spesso motivazione di formicolii su base metabolica (alcol, diabete, malattie autoimmuni…).
Sul piano motorio, quando una compressione può giovarsi o meno della decompressione chirurgica, l’EMG è spesso dirimente.